Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

AGRIVOLTAICO: DA FEBBRAIO È IN VIGORE IL DECRETO MASE

Il MASE ha pubblicato, il 13 Febbraio 24, il Decreto per promuovere impianti agrivoltaici, con l’obbiettivo di installare 1,04 GW entro giugno 2026.

Il Decreto stabilisce le definizioni di impianto agrivoltaico e sistema agrivoltaico avanzato, come:
impianto sperimentale che adotta soluzioni innovative per il montaggio dei pannelli solari, consentendo anche la rotazione dei moduli stessi senza compromettere le attività agricole. Include anche sistemi di monitoraggio per valutare l’impatto dell’impianto sui raccolti, il risparmio idrico e la produttività agricola, oltre a considerare indicatori come il recupero della fertilità del suolo e la resilienza ai cambiamenti climatici.

Un sistema agrivoltaico avanzato quindi è un sistema complesso che integra attività agricole e produzione elettrica, valorizzando entrambi i sottosistemi e garantendo la continuità delle attività agricole nell’area interessata. Per garantire continuità, gli impianti agrivoltaici avanzati devono rispettare determinati requisiti minimi, tra cui altezze specifiche per consentire le attività agricole sotto ai moduli fotovoltaici, come 1,3 metri per attività zootecniche e 2,1 metri per attività colturali.

Le agevolazioni offerte includono un contributo a fondo perduto fino al 40% dei costi ammissibili e una tariffa incentivante per la quota di energia elettrica prodotta e immessa in rete.

I soggetti che possono beneficiare degli incentivi sono: imprenditori agricoli, società agricole, cooperative agricole, consorzi, associazioni temporanee di imprese agricole e altre entità simili.

Gli interventi ammissibili riguardano gli impianti agrivoltaici di potenza fino a 1 MW per i soggetti beneficiari iscritti in registri specifici e gli impianti agrivoltaici di qualsiasi potenza per i soggetti partecipanti a procedure pubbliche competitive. Tali impianti devono rispettare vari requisiti, come il possesso dei titoli abilitativi, dei preventivi di connessione alla rete elettrica, nonché conformarsi alle norme nazionali e europee in materia ambientale.

Il programma copre le spese per impianti agrivoltaici avanzati, attrezzature, connessione alla rete elettrica, opere edili, studi di prefattibilità e spese per attività preliminari. Le spese sono limitate e variano a seconda del tipo di intervento. Le caratteristiche dei sistemi agrivoltaici includono la priorità all’attività agricola, altezze minime dei moduli, produzione elettrica minima, e la continuità delle attività sul terreno.

Vuoi saperne di più?
Compila il nostro modulo. Saremo lieti di aiutarti!