Skip to content Skip to sidebar Skip to footer

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE

PRIMA PUNTATA

Il tema del passaggio generazionale ha generato sempre più interesse negli ultimi anni nel nostro paesecostituito, per la maggior parte, da imprese di piccola e media dimensione, spesso a conduzione familiare.

Molte di queste sono nate durante il boom economico degli anni ’50 e ’60 e stanno o dovranno, nel breve futuro, affrontare il compito delicato di trasferire il controllo e la gestione dalle generazioni più anziane a quelle emergenti per garantire la continuità e lo sviluppo dell’azienda.

Per questo motivo vorremo dedicare degli approfondimenti su questo tema, partendo da oggi.

Il passaggio generazionale è il processo attraverso il quale avviene questo trasferimento di capitale e responsabilità, essenziale per assicurare la sopravvivenza e lo sviluppo dell’azienda nel tempo. Tuttavia, molti non pianificano adeguatamente questo passaggio, il che può portare a effetti destabilizzanti e persino distruttivi per l’impresa.

La mancanza di pianificazione strategica del passaggio generazionale in un’azienda può portare a rallentamenti o paralisi dell’attività stessa. Questa mancanza di preparazione danneggia l’azienda poiché i successori potrebbero non essere adeguatamente preparati per i compiti e le responsabilità cruciali. Inoltre, all’interno della famiglia, ci possono essere interessi e risorse diversi riguardo alla gestione dell’azienda.

Affinché questo passaggio sia un’opportunità di crescita anziché una crisiè necessario:

  • Separare impresa e famiglia, trattandole come entità autonome.
  • Implementare un sistema moderno di governance con ruoli distinti per i membri della famiglia e per i gestori esterni.
  • Valorizzare il merito rispetto alle relazione famigliari nella selezione dei ruoli aziendali.
  • Definire regole condivise per prevenire conflitti.
  • Gestire il profilo patrimoniale considerando gli imprevisti.
  • Affrontare il passaggio come un processo che coinvolge la formazione dei futuri leader e l’adattamento ai cambiamenti culturali ed economici.
  • Coinvolgere consulenti esterni per garantire un approccio imparziale e professionale nel processo di passaggio.

Una pianificazione accurata è essenziale, soprattutto considerando che nei prossimi vent’anni circa 400 miliardi di euro di patrimonio italiano saranno interessati da questo processo. Pianificare significa considerare diversi livellitra cui quello familiareaziendaleextra aziendale finanziario.

La corretta pianificazione del passaggio generazionale dell’impresa famigliare consente anche di sfruttare le opportunità di risparmio fiscale offerte dalla normativa; il Legislatore infatti ha previsto diverse disposizioni agevolative – a seconda dello strumento utilizzato – con lo scopo di favorire la continuità aziendale dei soggetti creatori di valore come le imprese.

Esistono diversi strumenti giuridici per facilitare il passaggio generazionale; tra i più versatili troviamo il trustil patto di famiglia e la holding di famiglia. Ognuno di questi ha caratteristiche specifiche che devono essere valutate in base alle esigenze e alle dinamiche familiari; le approfondiremo nel corso delle prossime settimane.

In conclusione, pianificare il passaggio generazionale è fondamentale per il futuro di ogni impresa familiare. La scelta dello strumento giuridico e l’adozione di pratiche di governance efficaci possono fare la differenza tra il successo e il fallimento del passaggio dell’impresa.

Vuoi conoscere di più su questo argomento?
Iscriviti al nostro forum, siamo pronti per aiutarti.